STUDIO MEDICO DE LILLA RITA


Vai ai contenuti

Esenzioni

Per i pazienti

tratto da www.usl9.grosseto.it Aggiornato al 30/08/07



Soggetti esenti dal ticket (
D.G.R. n. 493 del 24 maggio 2004)

  • I bambini di età inferiore a 6 anni e i cittadini di età superiore ai 65 anni purché appartenenti ad un nucleo familiare (*) con reddito complessivo non superiore a Euro 36.151,98 l'anno;
  • I titolari di pensione minima di età superiore ai 60 anni ed i familiari a carico, purché il reddito complessivo sia inferiore a Euro 8.263,31 (limite incrementato a Euro 11.362,05 in presenza del coniuge e di ulteriori Euro 516,46 per ogni figlio a carico) (*);
  • I disoccupati e i familiari a carico, purché il reddito complessivo sia inferiore a Euro 8.263,31 (limite incrementato a Euro 11.362,05 in presenza del coniuge e di ulteriori Euro 516,46 per ogni figlio a carico)(*) (**);
  • I titolari di pensione sociale e i familiari a carico;
  • Gli invalidi di guerra/lavoro/servizio/civili nelle modalità indicate dalla normativa;
  • Coloro che sono affetti dalle malattie croniche e invalidanti di cui al decreto del Ministero della Sanità 28 maggio 1999 n. 329 e successive modifiche (solo per le prestazioni riferibili a tali patologie);
  • I soggetti affetti dalle patologie rare di cui al decreto del Ministero della Sanità 28 maggio 2001 n. 279. Nel caso di diagnosi di malattia rara di origine ereditaria, sono esenti anche le indagini genetiche sui familiari dell'assistito;
  • Coloro che hanno subito danni irreversibili da vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni o somministrazione di emoderivati di cui alla Legge 25 febbraio 1992, n. 210 e successive modificazioni e integrazioni (solo per le prestazioni indicate nella normativa);
  • Gli invalidi civili minori di anni 18 con i requisiti sanitari per l'indennità di frequenza;
  • I donatori di sangue, organi e tessuti (solo per le prestazioni connesse all'attività di donazione);
  • Le vittime del terrorismo e della criminalità organizzata di cui alla L. 20 ottobre 1990 n.302, integrata con la L. 23 novembre 1998 n. 407;
  • I soggetti detenuti e internati, compresi coloro che si trovano agli arresti domiciliari, ai sensi del D.L. 22 giugno 1999 n. 230;
  • I soggetti infortunati sul lavoro in concomitanza al periodo di infortunio per le prestazioni correlate all'infortunio stesso;
  • I cittadini che svolgono il servizio civile, per il periodo di durata dell'incarico (L. 230/98 e L. 64/2001);
  • Le prestazioni sanitarie richieste su ricettario del S.S.N. per il rilascio della certificazione di idoneità per l'affidamento e l'adozione, e la certificazione stessa (D.G.R. 857/2003);
  • Le prestazioni finalizzate alla diagnosi precoce con le seguenti modalità:o Mammografia per le donne in età compresa fra 45 - 69 anni;o Colonscopia per i cittadini in età compresa fra 45 - 70 anni;o Esame citologico cervico-vaginale in età compresa fra 25 e 65 anni.


L'accesso è condizionato a:
Autodichiarazione di non aver eseguito, in regime di esenzione, gli stessi esami, la mammografia negli ultimi 2 anni, Pap-test negli ultimi 3 anni e lacolonscopia negli ultimi 5 anni; mammografia per donne in età 45-69 anni;
Prescrizione medica (richiesta del Medico di medicina generale) di esame eseguito a scopo di prevenzione.

(*) Per la determinazione del nucleo familiare si usa il criterio fiscale per cui oltre al coniuge non legalmente ed effettivamente separato sono comprese le persone per le quali spettano le detrazioni per carichi di famiglia; per reddito complessivo si intende quello dell'anno precedente al lordo degli oneri deducibili e al netto dei contributi previdenziali obbligatori, cioè quello risultante dal rigo RN1 del modello UNICO-PERSONE FISICHE. Non ne fanno parte i redditi a tassazione separata.
(**) Si definisce disoccupato il cittadino che abbia cessato per qualunque motivo (licenziamento, dimissioni, cessazione di un rapporto a tempo determinato) un'attività di lavoro dipendente o autonomo (con svolgimento della precedente attività lavorativa per un periodo non inferiore a 3 anni) e sia iscritto all'elenco anagrafico dei lavoratori (D.Lgs. 81/2000) in attesa di nuova occupazione.I soggetti che rientrano nei punti A, B. e C possono autocertificare la situazione che dà diritto all'esenzione. Il medico indicherà nella prescrizione l'esenzione e il motivo della stessa.


Per ulteriori informazioni contattare le Direzioni Amministrative dei Distretti

Home Page | Chi sono | Dove sono E orari studio | Per i pazienti | Notizie sanitarie | Contatti | Specialisti | Indirizzi e Numeri utili | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu